*βeta!

Websapienza.org

webdesign, tecnologia e comunicazione

Il vantaggio di giocare in anticipo

La Sapienza ha approvato lo Statuto a settembre. Con grande anticipo e con lodevole lungimiranza lo Statuto anticipa quello che la contestata Legge di Riforma dispone per gli atenei italiani. Adattare lo Statuto alle norme di legge sarà più semplice e meno drammatico per la comunità universitaria.

Negli altri atenei, la costituzione delle commissioni per lo Statuto sono oggetto di mobilitazioni, assemblee, petizioni e votazioni. Alla Sapienza il dibattito si è svolto in forme diverse: istituzionali e riservate.

Ci siamo occupati diffusamente di come (non) si sia svolto il dibattito intorno alla stesura del nuovo statuto. Di fronte alla lettera del segretario nazionale della CGIL che tra l'altro auspica:

... che il processo di definizione dei nuovi statuti si sviluppi con trasparenza, con forme appropriate di partecipazione e che, pertanto, le modifiche agli statuti siano l’espressione della convinta adesione della maggioranza delle diverse componenti ad un progetto “culturale“ che caratterizzi le università nella loro piena e più vera autonomia.

non abbiamo resistito alla tentazione di citare quello che scrivevamo, sottolineando proprio la mancanza di dibattito e di partecipazione da parte delle istituzioni (e del sindacato).

A parte questa concessione all'autocitazionismo, di fatto questo 'vantaggio' ha permesso di procedere con grande determinazione sulle questioni legate alla Comunicazione e alla riorganizzazione dell'Information Technology. È stato approvato il Piano di comunicazione 2011 e si sono avviate le procedure per la costituzione del Centro InfoSapienza.

Ma la cosa su cui websapienza ha posto l'attenzione, fin da subito, è stata la questione dello sviluppo e la progettazione dei siti web dei dipartimenti e delle facoltà, elaborando anche proposte e ipotesi di linee guida. Su questo punto continuiamo ad adempiere al nostro impegno di osservazione dello sviluppo dei siti.

Finalmente, il 25 febbraio, il comitato web ha riunito i webmaster e i responsabili dell'identità visiva: un resoconto 'a caldo' sul nostro blog.

La Sapienza quindi si riposiziona in tema Comunicazione, tecnologia e riorganizzazione dei processi amministrativi e lavorativi. Su quest'ultimo punto, abbiamo rinforzato le nostre convinzioni con alcune questioni teoriche: per questo abbiamo segnalato un documento interessante pubblicato da Comuniclab che descrive le 'comunità di pratica'. Una modalità che dovrebbe ispirare anche i tentativi di collaborazione e condivisione della comunità dei webmaster dell'università.

Questi richiami teorici sono indispensabili per evitare il rischio concreto di avvitarci su noi stessi non riuscendo a vedere il 'quadro di insieme' delle questioni: segnaliamo - per ultimo - una 'lezione' sul web 2.0 e un'intervista pubblicata su SOUL del prof. Di Nicola a proposito degli stage. Per concludere, la presentazione della prof.ssa Giuliana Sgambati sulla questione della conservazione delle risorse elettroniche. Perché oltre a produrli bisogna porsi il problema di conservarli, i contenuti.